InterAzioni a Cagliari

[Redazione]

InterAzioni è la conferenza delle organizzazioni sarde aderenti alla campagna Ero straniero – L’umanità che fa bene e di Cittadinanza senza Limiti, organizzata all’interno della rassegna letteraria Storie in Trasformazione. Una conferenza regionale che si svolgerà a Cagliari, Lunedì 26 giugno 2017 ore 16.00 nella Fondazione di Sardegna, via San Salvatore da Horta n°2. La conferenza ha tra i suoi obbiettivi la creazione di una vasta rete di organizzazioni che sostengano la campagna Ero Straniero per superare la legge Bossi-Fini, cambiare il racconto sull’immigrazione ed estendere i diritti di cittadinanza a tutte le persone che vengono considerate straniere nel proprio Paese.

La conferenza Interazioni è composta da due cicli di confronto. Il primo ciclo, Accogliamoli tutti si svolgerà dalle ore 16.00 alle ore 18.00. Apre i lavori: Poullette Stefano di Cittadinanza senza Limiti e modera Roberto Loddo de Il manifesto sardo. Partecipano Valentina Brinis ricercatrice dell’associazione A Buon Diritto e autrice di Accogliamoli tutti (Il Saggiatore); Stella Deiana – Coordinatrice progetto SPRAR Accoglienza Metropolitana;Giorgio Altieri, Giudice del tribunale di Cagliari; Riccardo Magi, Segretario di Radicali italiani; Anna Melis, presidente Cnca Sardegna; Franco Uda componente della presidenza nazionale Arci. Il secondo ciclo di discussione è denominato I non cittadini e si svolgerà dalle ore 18.00 alle ore 20.00. Apre i lavori: Amal El Ghifari di Cittadinanza senza Limiti e modera Mauro Tuzzolino – Associazione Eutropia. Partecipano Ilham Mounssif, portavoce di Italiani senza cittadinanza, Don Ettore Cannavera, fondatore della Comunità La Collina;Michele Piras, parlamentare; Mauro Carta, presidente provinciale Acli di Cagliari e Marcello Cocco, giornalista de L’Unione Sarda. Durante la conferenza #InterAzioni sarà presente il banchetto firme della campagna Ero straniero – L’umanità che fa bene.

La campagna “Ero Straniero – L’umanità che fa bene è una proposta di legge di iniziativa popolare per superare la legge Bossi – Fini e cambiare le politiche sull’immigrazione puntando su inclusione e lavoro dal titolo “Nuove norme per la promozione del regolare permesso di soggiorno e dell’inclusione sociale e lavorativa di cittadini stranieri non comunitari”. Una legge si propone di cambiare anche il racconto pubblico sull’immigrazione, ostaggio di pregiudizi, luoghi comuni e vere e proprie bugie che, invece di contrastare, la politica spesso sceglie di cavalcare per guadagnare consenso. Una proposta di legge promossa da Radicali Italiani insieme a Fondazione Casa della carità “Angelo Abriani”, ACLI, ARCI, ASGI, Centro Astalli, CNCA, A Buon Diritto, CILD, con il sostegno di numerose organizzazioni impegnate sul fronte dell’immigrazione, tra cui Caritas Italiana, Fondazione Migrantes Comunità di Sant’Egidio e tante associazioni locali. A maggio è partita in tutta Italia la raccolta firme, anche con il supporto di un’ampia rete di sindaci – al momento sono già 60 – che hanno aderito alla campagna. Sono cinquantamila le firme di cittadini italiani da raccogliere in sei mesi per sottoporre la legge all’attenzione del Parlamento.

Oltre cinquanta adesioni da parte delle organizzazioni sarde provvenienti che hanno aderito alla campagna e che hanno appreso con soddisfazione e gioia il sostegno alla campagna dato oggi da Papa Francesco che ha espresso “sincero apprezzamento per la campagna della nuova legge migratoria ‘Ero straniero’, la quale gode del sincero sostegno di Caritas italiana, della Fondazione Migrantes e di altre organizzazioni cattoliche”.